Il Teatro e l'Accademia

“Arte, cultura e spiritualità si incontrano nella più assoluta libertà, per contribuire alla crescita della consapevolezza umana”

Frutto della passione di Brunello Cucinelli per l'arte, il teatro omonimo è il fiore all'occhiello di Solomeo. Inaugurato nel 2008, ospita rappresentazioni di alto livello e attività culturali che assieme alla riqualificazione del borgo sono un elemento fortemente distintivo dell’industria.

La sua costruzione è stata ispirata nelle forme agli impianti tardorinascimentali di Sabbioneta e al teatro Farnese di Parma: con i suoi 240 posti, la sua eleganza classica, l'ottima acustica e il caratteristico esterno di filaretto realizzato con la pietra locale, il Teatro Cucinelli fa parte del Foro delle Arti assieme all'Anfiteatro, che ospita le manifestazioni culturali all’aperto, al Giardino dei Filosofi, un insieme di terrazze che si affacciano sullo straordinario paesaggio collinare umbro in un contesto ideale per la meditazione, all’Accademia Neoumanistica Aureliana.

Quest'ultima, inaugurata nel 2010, è anch'essa una struttura di ispirazione classica; un luogo di incontro dedicato a nutrire l’anima con una ricca  biblioteca e seminari di matrice umanistica di arte, storia, filosofia, ma anche fortemente contemporanea, volti alla riflessione personale e al confronto.

Nel suo complesso, dunque, questo insieme di imponenti realizzazioni si ispira a quell’ideale di tipo illuministico dello spirito di custodia, perseguito da sempre da Brunello Cucinelli nella scia della testimonianza dei grandi maestri dell’umanità, per realizzare il miglioramento dell’uomo attraverso il recupero e la ricongiunzione dei suoi valori a quelli dell’arte e della spiritualità.