Gestione dei rischi

La prevenzione e la gestione di rischi in grado di pregiudicare gli obiettivi del Gruppo è una priorità strategica.

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi adottato consente  l’identificazione, la misurazione, la gestione e il monitoraggio dei principali rischi a cui è esposto il Gruppo.

Il sistema adottato dalla Brunello Cucinelli S.p.A. si caratterizza per:

  • suddivisione delle responsabilità;
  • tracciabilità delle operazioni effettuate;
  • controllo di gestione;
  • ampio spettro di verifiche e test.

Sistema dei Controlli interni

I soggetti coinvolti

  • Consiglio di amministrazione

    Definisce le linee di indirizzo del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi, valutandone periodicamente adeguatezza ed efficacia. Approva inoltre il piano  di lavoro predisposto dal responsabile della funzione di Internal audit.

  • Comitato Controllo e Rischi

    Supporta le valutazioni e le decisioni del Consiglio di Amministrazione relative al sistema di controllo interno e di gestione dei rischi

  • Amministratore incaricato (del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi)

    Identifica i principali rischi aziendali, dà esecuzione  alle linee di indirizzo definite dal consiglio di amministrazione

  • Responsabile della Funzione di Internal Audit

    Verifica  l’operatività e l’idoneità del sistema  attraverso un piano di audit,  predispone  relazioni e informative periodiche  ai presidenti del collegio sindacale, del comitato controllo e rischi e del consiglio di amministrazione nonché all’amministratore incaricato del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi.

  • Collegio Sindacale

    Vigila sull’efficacia del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi.

  • Organismo di Vigilanza ex D. Lgs. n. 231/2001

    L’Organismo di Vigilanza ha il compito di verificare il funzionamento e l’osservanza del “Modello di Gestione e Organizzazione” adottato dalla Società ai sensi del Decreto Legislativo n. 231/2001 e di curarne l’aggiornamento. La finalità è quella di prevenire i reati previsti nel citato Decreto; il Modello individua le aree a rischio di reato e la conseguente sanzione, prevendo adeguati presidi volti ad evitare la commissione del reato stesso.

    L’Organismo di Vigilanza , rinnovato in data 23 aprile 2014, è di tipo collegiale ed è composto dal Prof. Paolo Bertoli (Presidente dell’Organismo ), dal Dott. Lorenzo Ravizza e dal Dott. Andrea Edoardo Gentile.

I controlli

Il Sistema di controlli interni si articola su 3 livelli:

1.

I controlli di linea:

effettuati direttamente dai responsabili delle varie aree operative  con l’obiettivo di identificare, monitorare, attenuare e riportare, in prima istanza, i rischi derivanti dall’ordinaria attività aziendale (l’attività di produzione e l’attività di vendita e distribuzione commerciale)

2.

I controlli di secondo livello:

effettuati dalle funzioni aziendali preposte alla gestione dei rischi tipici dell’attività di Brunello Cucinelli

3.

I controlli di terzo livello:

riservati alle principali funzioni aziendali incluse nel Sistema di Controllo Interno della Società. In tale ambito, la Funzione di Internal Audit riveste un ruolo centrale in quanto è chiamata a verificare, tra le altre cose, l’idoneità dei controlli dei primi due livelli, attraverso un’attività costante di assessment e di testing.