Il sogno di sempre è quello di rendere il lavoro dell’uomo più umano, immaginando che lo stesso elevi la dignità dell’uomo.

La storia

Nel 1978, sorge il primo nucleo di un'azienda, caratterizzata dal desiderio di creare un differente modo di fare impresa nel XXI secolo, sulla base del concetto di un capitalismo contemporaneo, definito dalla stampa internazionale, nel corso degli anni, capitalismo “umanistico”, dove la ricerca del profitto possa essere conseguita senza recare danno all’umanità.

Considerato dai propri clienti espressione di un sofisticato concetto di lifestyle contemporaneo, Brunello Cucinelli mantiene salde le proprie radici nell’eccellenza qualitativa, nell’artigianalità italiana e nella creatività, identificando questi pilastri quali fondamenti per la sostenibilità della crescita nel lungo periodo.

Filosofia

“Nella mia vita ho sempre coltivato un sogno: quello del lavoro utile per un obiettivo importante. Sentivo che il profitto d’azienda, da solo, non bastava a realizzare questo mio sogno, e che un fine più alto doveva essere ricercato”.

Dignità e Custodia

“Abbiamo sempre cercato di sentirci custodi del creato”.
“Impresa umanistica, etica e produzione... Mi era sempre più difficile rinunciare a una interpretazione del lavoro e dell’azione umana che non fosse fondata sulla positività e sulla fiducia nel domani”.

Cultura e bellezza

Cultura e bellezza esaltano la creatività umana, sono valori a cui ispirarci.
Sono questi i principi che consentono a Brunello Cucinelli di tenere insieme in un unico disegno l'antico e il contemporaneo, coniugare con disinvoltura obiettivi aziendali e necessità umane, lavorare in armonia fra dimensione locale e dimensione globale.